Paesi Bassi: ritorno al Medioevo.

Tutti i diritti riservati - Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

In questo post non parlo di viaggi, di percorsi o di paesaggi da ammirare ma dell'ultima trovata Olandese: la nuova raccolta dei rifuti. Magari a qualche nuovo expat, fresco di arrivo nei Paesi Bassi, l'argomento potrebbe interessare anche se la gestione dei rifiuti è regolamentata in maniera diversa da comune a comune (in alcuni paesi vengono forniti anche contenitori di colore blu o con coperchio blu per la raccolta della carta per esempio).
Negli anni '80 in Italia spopolava un film dal titolo "ritorno al futuro", qui invece si pensa piuttosto a un "ritorno al Medioevo".

I due nuovi contenitori muniti di microchip (centro e sinistra nella foto) e il vecchio contenitore (destra).


Andiamo con ordine: qualche mese fà il comune di T. aveva mandato una circolare per posta a tutti i residenti registrati per avvisare che, che nel giro di breve tempo, si sarebbe provveduto alla sostituzione dell'unico tradizionale bidone verde della spazzatura con due nuove tipologie di bidoni (uno grigio scuro per l'indifferenziata e uno verde per l'organico).
Il cambio dei bidoni è stato effettuato solo per le unità abitative indipendenti, chi vive in appartamento ha invece dei contenitori residenziali di diversa tipologia.
Unitamente alla circolare, era stata inviata anche una cartolina di risposta da mandare al comune con la scelta della tipologia di contenitori.
Quello vecchio all'interno era diviso in due parti: in quella anteriore si mettevano sia gli scarti alimentari che i rifiuti da giardino, in quella posteriore invece finiva tutto ciò che non può esser riciclato. La capacità dei due nuovi bidoni è di 280lt (140lt cadauno) e è pari, se non leggermente superiore, a quella complessiva del vecchio contenitore.
I due nuovi bidoni (detti "Restafvalcontainer" quello grigio e "GFT-container" quello verde) sono provvisti di un microchip e un'etichetta con i dati del proprietario della casa (nel caso in cui un contenitore venga smarrito, è possibile farlo presente alla società di raccolta che provvederà a bloccare il chip del vecchio bidone e a consegnarne uno nuovo).
Questo rigoroso sistema di etichettatura mi fa pensare che, in un prossimo futuro, si voglia:
1) monitorare il quantitativo di spazzatura prodotta in una determinata unità abitativa.
2) effettuare controlli e multare chi non separa adeguatamente i rifiuti.
In caso di nuclei famigliari più numerosi è possibile richiedere un Restafvalcontainer più grande da 240lt oppure dei contenitori aggiuntivi. Ovviamente, in questo caso, aumenta la fattura delle spese di smaltimento dei rifuti. Durante i primi tre mesi del 2010 ci si deve accontentare dei bidoni scelti all'inizio, successivamente, è possibile richiederne altri aggiuntivi oppure sostituire il Restafvalcontainer da 140lt con quella da 240lt.
Anche i nuovi bidoni devono essere portati, la sera precedente il giorno di svuotamento, in uno dei punti di raccolta posizionati in diverse aree delle vie cittadine e poi rimossi nelle ore successive al passaggio degli incaricati per lo svuotamento. L'anno scorso un Lunedi sera ci eravamo dimenticati di riportare il bidone al suo posto (vicino al muro della casa) e, prontamente, il giorno successivo qualche vicino ce lo ha messo davanti a casa (tanto per rimarcare che non bisogna essere disordinati!).

La tassa annuale 2010 per la spazzatura, detta "tarieven afvalstoffenheffing", nel comune di T. per le unità abitative indipendenti ammonta a:
  • € 269 (per due contenitori standard da 140lt)
  • € 336 (un contenitore da 240lt e uno da 140lt)
  • € 277 (un contenitore extra "restafvalcontainer" da 240lt)
  • € 65 (un contenitore extra "GFT-container" da 140lt)
Chi abita in condominio o appartamento nel 2010 paga € 269 (se è single) oppure € 336 (se si tratta di una famiglia di due o più persone).
In generale le tariffe sono state ritoccate leggermente al rialzo rispetto all'anno precedente per coprire i costi dei nuovi investimenti effettuati per la raccolta dei rifiuti (es. la graduale sostituzione degli speciali contenitori per i condomini e gli appartamenti).

Qual'è la novità che ho particolarmente apprezzato? Il cambiamento delle modalità di svuotamento dei bidoni. In passato l'unico bidone veniva ritirato e svuotato ogni Lunedi mattina, con i nuovi bidoni, invece, si è pensato bene di cambiare e di svuotarli a settimane alterne: il Lunedi delle settimane pari viene ritirato il bidone dell'indifferenziata, mentre, in quelle dispari, viene ritirato quello dell'organico. Ottima mossa, specie nella stagione estiva! Nei Paesi Bassi non farà caldo come in Italia ma è semplicemente assurdo che i contenitori dell'organico vengano svuotati ogni due settimane, roba da Medioevo.
In Italia a O., paese di 11.941 abitanti (30/06/08) contro i 13.915 (anno 2001) di V., il bidone dell'organico viene svuotato due volte alla settimana in inverno e tre volte in estate, quello dell'indifferenziata solo una volta alla settimana per tutto l'anno.
.

0 commenti:

Copyright © 2005-2017 GIRINGIRO BLOG